venerdì 2 febbraio 2018

Vellutata di porri alle mandorle e prezzemolo

Leek and almond soup

Febbraio mi ha colta impreparata, ma da qualche anno ho imparato che a lui piace arrivare di sorpresa. Dopotutto è il mese del Carnevale, delle frittelle e dei coriandoli sparsi ovunque, persino nei calzini. Ormai so che a gennaio piace correre, soprattutto dopo le feste, e so che mentre io sono intenta a pensare ai buoni propositi la pagina del calendario gira da sola, come per magia. Se con la testa sono già in primavera (qui tra asparagi e agretti - comprati per esigenze fotografiche - mi sembra davvero di vivere qualche mese in avanti), ogni volta che esco e indosso la giacca pesante provo una sensazione di conforto. Conforto perchè mi sembra di avere ancora del tempo a disposizione, preziose giornate invernali in cui sentire il profumo del cavolfiore che arrostisce o affondare il cucchiaio in una zuppa di legumi fumante. Provo la stessa sensazione di quando suona la sveglia ma è domenica e so che posso dormire ancora un pochino. Diciamo che mi accontento di poco ;-)



La ricetta
Non c'è nulla di innovativo in una vellutata di porri e patate, anzi... Ma l'aggiunta di un latte di mandorle (molto semplificato) preparato al momento e di una salsina al prezzemolo ha reso questo piatto un pranzetto da re. Le mandorle, frullate con acqua e aggiunte a fine cottura, danno una cremosità unica con il vantaggio che non sono necessari latte o derivati per ottenere questa consistenza.
La vellutata è buona già così, molto delicata ma per nulla noiosa. A chi ama i sapori un po' più decisi consiglio di preparare anche la salsa al prezzemolo (che non è altro che prezzemolo frullato con olio), da aggiungere a piccole dosi ma anche da spalmare sul pane mentre si mangia la vellutata.

Prima di passare alla ricetta... 
Ti chiedo un piccolo favore! Utilizza i pulsanti qui sotto per condividere questo post.

Vellutata di porri e prezzemolo
Ingredienti (per 3-4):
  • 40 g di mandorle spellate
  • un mazzo di prezzemolo
  • 400 g di porro, mondato e affettato
  • 400 g di patate, sbucciate e tagliate a cubetti
  • 600 ml di brodo caldo (o acqua)
  • olio evo
  • sale
  • semi di papavero per guarnire

Procedimento:
Mettere a bagno le mandorle, lavare il prezzemolo ed eliminare i gambi. In una casseruola capiente far rosolare il porro con un filo d'olio, quindi unire le patate e farle insaporire per qualche istante. Bagnare con il brodo e far cuocere a fiamma bassa per 15-20 minuti (le patate dovranno risultare cotte). Nel frattempo frullare le foglie di prezzemolo con olio quanto basta fino ad ottenere una salsa. Ridurre in purea la vellutata, salare e unire le mandorle frullate con 400 ml di acqua. Se necessario far scaldare per qualche istante la vellutata, quindi servirla con la salsa al prezzemolo e una spolverata di semi di papavero.

Ti è piaciuta questa ricetta?
Fammelo sapere nei commenti! E se decidi di prepararla, per farmi vedere come è venuta usa l’hashtag #zuccheroezenzero!

2 commenti:

  1. Febbraio è appena iniziato ma per quanto le temperature oggi siano freddine, qui si respira già un lieve sentore di primavera... non sarà tanto normale climaticamente parlando, ma io sono felice! :D Le vellutate si gustano comunque ancora calde calde, anche se il tuo set mi fa pensare a un piatto italiano, trasportato in Oriente... ce l'hai nel sangue e negli occhi quel mood, Virginia, le contaminazioni adesso sono anche fotografiche! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La primavera è scherzosa quanto febbraio, e se a Roma il suo profumo inizia a farsi sentire, a Genova abbiamo fatto un passo indietro verso temperature rigide! Ma io so che è vicina, nascosta sotto la neve sulle alture come il tovagliolino verde della foto ;-) E ora che riguardo questa foto, vedo il mood orientale e sorrido (e prima o poi riuscirò a dirti a voce il perchè)... :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...