venerdì 20 maggio 2016

Zucchini slice

Zucchini slice

[Scroll down for the English recipe]
Sono una persona molto organizzata e in genere "inquadrata": non mi piace lasciare le cose al caso e aspettare che si autorisolvano o semplicemente sperare che una soluzione si manifesti davanti a me, senza muovere un dito. Naturalmente mi piace organizzare anche i pasti, nel limite del possibile, per non rischiare di ritrovarmi all'ora di pranzo con il frigo vuoto e in dispensa solo con legumi secchi.
La mia inclinazione a giocare d'anticipo, unita all'amore per la cucina e in generale per il buon cibo, fa in modo che anche i pasti fuori porta siano pensati. Mi vengono in mente i pranzi in università, spartani ma sempre allestiti la sera prima anche a costo di preparare la schiscetta in pigiama e con gli occhi semichiusi, oppure i pasti in viaggio.

Zucchini slice

Quando sono in viaggio, che si tratti di pullman, treno o aereo, mi piace avere con me il mio sacchettino con il cibo per non dovermi ridurre a comprare una costosa (e gommosa) pizzetta nella prima area ristoro che capita in stazione o in aeroporto. Questi sono i pasti più difficili da pensare, perché insieme devono rispondere a molti criteri: devono essere poco ingombranti e facili da trasportare, devono contenere nel limite del possibile tutti i nutrienti (e una buona dose di "cose verdi") e devono mantenersi per un certo tempo fuori dal frigorifero.
Trovo che sia una sfida divertente pensare sempre a qualcosa di diverso da proporre e molte volte riesco a tirar fuori delle idee niente male, che accontentano sia Lui che me.

Zucchini slice

In occasione del nostro finesettimana sul lago ho preparato una busta contenente questo zucchini slice, una bella porzione di insalata, una busta con dei crackers per la dose di carboidrati extra (e per la merenda) e qualche frutto. Il tutto organizzato ingegneristicamente per ottimizzare lo spazio di un sacchetto rigido formato mini e per non avere bento vuote da portare al ritorno.

Era da tempo che volevo preparare questa torta salata, molto diffusa in Australia e sempre vista da Donna Hay, e quella era l'occasione giusta. Tra l'altro è una ricetta che si presta benissimo in diverse occasioni: è perfetta per un pic nic o per un pasto in viaggio, ma anche a cubetti per l'ora dell'aperitivo oppure porzionata e congelata, da tirare fuori nel momento opportuno (meglio la sera prima o, in extremis, la si può anche anche scongelare nel microonde).
Per una versione vegetariana il prosciutto si può semplicemente omettere, ma trovo che dia quella nota extra di sapore che fa piacere al palato. Che dite, vi ho convinti a prepararlo?

Zucchini slice
Adattato da questa ricetta
Ingredienti (per 6/8 persone):
  • 500 g di zucchine
  • 180 g di piselli sgusciati (freschi o surgelati)
  • 180 g di prosciutto cotto in un'unica fetta
  • 300 g di ricotta
  • 6 uova intere
  • 150 g di farina
  • un cucchiaino di lievito per dolci
  • 80 g di Parmigiano grattugiato
  • 4 rametti di maggiorana
  • una cipolla
  • uno spicchio d'aglio
  • olio evo
  • pepe

Procedimento:
Foderare uno stampo rettangolare 30x20 cm o di area equivalente con carta da forno e accendere il forno a 200°. Soffriggere dolcemente lo spicchio d'aglio schiacciato con la cipolla tritata in un cucchiaio d'olio, spegnere la fiamma e tenere da parte. Grattugiare le zucchine con la grattugia a fori larghi e mescolarle in una ciotola capiente con i piselli, il Parmigiano, la cipolla soffritta (eliminare l'aglio), le foglie di maggiorana e il prosciutto sgrassato e tagliato a cubetti. A parte lavorare la ricotta con le uova e un pizzico di pepe, quindi incorporare la farina e il lievito. Mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo. Versare l'impasto nelle zucchine, mescolare per amalgamare bene il tutto e versare nella teglia. Cuocere per 40/50 minuti o fino a doratura, abbassando il forno a 180° a metà cottura. Verificare la cottura con uno stecchino, sfornare, lasciar intiepidire e servire la torta a fette. Conservare in frigo per 2-3 giorni in un contenitore a chiusura ermetica e riscaldare in microonde prima di servire. A piacere si può congelare fino a tre mesi fasciando le fette singolarmente: per scongelarle basterà trasferirle in frigo per una notte e riscaldarle prima di servire.

Zucchini slice
Inspired by this recipe
Ingredients (serves 6/8):
  • 500 g of zucchini, trimmed and grated
  • 180 g of peas, shelled (fresh or frozen)
  • 180 g of ham, one thick slice cuttend into cubes
  • 300 g of ricotta
  • 6 eggs
  • 150 gof all-purpose flour
  • 1 tsp baking powder
  • 80 g of Parmigiano Reggiano, grated
  • 4 springs of fresh marjoram
  • 1 onion, peeled and sliced
  • 1 clove of garlic, crushed
  • evoo
  • salt and pepper

Method:
Preheat the oven to 200°C and line a 30x20 cm baking tin with baking paper. Heat 1 tbsp of oil in a non stick frying pan and sautè the onion and garlic over medium-low heat; cook, stirring often, until translucent (add a splash of water if needed). Remove the garlic and set aside. In a large bowl mix the grated zucchini with Parmigiano Reggiano, prosciutto, onion and marjoram leaves. In another bowl, lightly beat the eggs and fold through the ricotta; add flour and baking powder and mix until smooth. Season with salt and pepper and pour the ricotta mixture into the bowl with zucchini; mix well to combine. Spoon the mixture into the baking tin and cook for 40/50 min (after 20 minutes lower the oven to 180°C), until golden and cooked through (a skewer inserted into the zucchini slice has to come out clean). Remove from oven, allow to cool slightly and serve.
Store the zucchini slice in an air-tight container in the fridge for 2-3 days or freeze for up to 3 months (sliced and wrapped in aluminium foil). To defrost: place the zucchini slice in the fridge overnight and allow to defrost completely; reheat in the oven or serve at room temperature.

Ti è piaciuta questa ricetta?
Fammelo sapere nei commenti! E se decidi di prepararla, per farmi vedere come è venuta usa l’hashtag #zuccheroezenzero!

4 commenti:

  1. Eccola la primavera, ha bussato alla tua finestra e tu l'hai fatta entrare! Mi piace tutto: idea, ingredienti, foto, fonte d'ispirazione! E ho immaginato la calma del lago, la sua acqua immobile baciata da un sole tiepido, il lieve rumore del vento intorno, una coppia con il suo cestino, mani delicate di ragazza che lo aprono, il verde intorno e vicino e il sorriso di lui al primo morso... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho aperto quel cestino in un contesto un po' meno romantico, in viaggio, ma la poesia era tutta nascosta nei gesti. Il lago è uno scenario molto romantico: abbiamo scattato molte foto, passeggiato senza una precisa meta ma per il gusto di ammirare il paesaggio e respirare un'aria diversa :-) La primavera che hai colto è la stessa che sono andata a ricercare in quel finesettimana: ad accogliermi ho trovato tanti fiori e una vegetazione rigogliosa, più viva che mai... Queste foto in qualche modo l'hanno preannunciato ;-)

      Elimina
  2. Questa torta salata un po' frittata é talmente "fotogenica" che la gita al lago potrebbe essere stata organizzata in suo onore. Scorro gli ingredienti uno ad uno gli ingredienti, ce ne fosse uno che non mi piace o che non mi convince... Si può dire vero che mi piace molto più la tua versione di quella di Donna Hay? La prima foto é spettacolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo buona con me, Donna Hay è il mio mito! Ma sai che questa torta è diventata una delle idee pranzo fuori casa preferite? E se si congela diventa un perfetto pasto dell'ultimo minuto! Secondo me si può declinare in tantissime varianti, a seconda della stagione :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...