mercoledì 21 ottobre 2015

Gratin di merluzzo e bulgur

Gratin di merluzzo e bulgur

Tante volte la cucina ci costringe a fare dei passi indietro e a rivalutare alcune ricette o combinazioni di ingredienti che prima ci sembravano impraticabili. Devo ammettere che la mia testa dura difficilmente mi fa cambiare direzione, tanto più se questo mi costringe ad affermare il contrario di quello che ho sempre pensato. Però spesso crescere significa cambiare idea, lasciare che i nostri gusti evolvano e che le altre persone ci influenzino positivamente.

Gratin di merluzzo e bulgur

Tempo fa non avrei mai messo insieme il pesce con i latticini: io ero del partito "il pesce si elabora il meno possibile", quindi ho sempre preferito le cotture al cartoccio oppure le ricette spiccatamente mediterranee, dai sapori schietti e sinceri. Questo fino a quando la Francia non ha deciso di mettersi in mezzo alle mie convinzioni: è bastato assitere all'incontro di una capasanta con il burro per ritornare (di corsa) sui miei passi, e da quel momento ho iniziato a guardare di buon occhio i piatti di mare d'oltralpe.

Gratin di merluzzo e bulgur

Sfogliando un vecchio numero di Saveurs sono stata rapita da un gratin di haddock con bulgur e porri: c'è voluto poco per decidere di prepararlo, ancora meno per mangiarlo e per affermare ancora una volta che i francesi, in fatto di cucina, la sanno davvero lunga. Ho apportato qualche modifica alla ricetta, prima tra tutte la sostituzione dell'haddock con il merluzzo causa irreperibilità del famigerato (per chi come me legge riviste straniere) pesce. Questo gratin si può servire come piatto unico, magari insieme a una bella insalatina di stagione, e se si vuole una presentazione più elegante si può cuocere nelle cocottine monoporzione.

Gratin di merluzzo e bulgur
Ingredienti (per 4 persone):
  • 200 g di bulgur
  • 150 g di porri
  • 400 g di filetto di merluzzo
  • 250 ml di latte intero
  • un tuorlo d'uovo
  • 50 g di yogurt intero
  • 3 cucchiai di Parmigiano
  • sale e pepe
  • burro qb
Procedimento:
Cuocere il bulgur seguendo le istruzioni riportate sulla confezione, scolarlo e lasciarlo raffreddare. Portare ad ebollizione 100 ml di latte con 300 ml di acqua e cuocere il merluzzo per 6-7 minuti a fiamma media; scolarlo e lasciarlo raffreddare. Mondare e affettare i porri; far fondere una noce di burro in una padella e cuocere i porri per una decina di minuti a fuoco dolce, quindi regolare di sale e di pepe. Scaldare il forno a 180° e imburrare un piatto da gratin da 30 cm di diametro o equivalente. In una ciotola capiente battere il tuorlo con lo yogurt e i rimanenti 150 ml di latte; aggiungere il bulgur, i porri e il merluzzo spezzettato e amalgamare bene il tutto. Aggiungere infine due cucchiai di Parmigiano e regolare di sale e di pepe. Versare il composto nel piatto da gratin, spolverare con un cucchiao di Parmigiano, una macinata di pepe e qualche fiocchetto di burro. Cuocere per 35-40 minuti e se necessario lasciare il gratin sotto il grill del forno fino a doratura. Sfornare e servire.

Cod and bulgur au gratin
Ingredients (serves 4):
  • 200 g of bulgur
  • 150 g of leeks
  • 400 g of fresh cod fillet
  • 250 ml of milk
  • one egg yolk
  • 50 g of full fat yoghurt
  • 3 tbsp of Parmigiano
  • salt and pepper
  • butter
Method:
Cook the bulgur following the instructions on the packaging, drain it and let it cool. Bring to a boil 100 ml of milk with 300 ml of water and cook the cod fish for 6-7 minutes at medium heat; drain it and let it cool. Slice the leeks, heat a pan with a tabsp of butter and cook them for about 10 minutes over a low flam, stirring often. Season to taste with salt and pepper.
Preheat the oven to 180°C and greas a 30 cm diameter baking dish with butter. In a large bowl, whisk the egg yolk with yoghurt and 150 ml of milk; pour in the bulgur, the leeks and the flaked cod; mix to combine. Mix in 2 tbsp of Parmigiano, season with salt and pepper and pour the mixture into the baking dish. Sprinkle top with butter flakes, pepper and 1 tbsp of Parmigiano and bake for about 35-40 minutes or until browned. Remove the gratin from the oven and serve.

Ti è piaciuta questa ricetta?
Fammelo sapere nei commenti! E se decidi di prepararla, per farmi vedere come è venuta usa l’hashtag #zuccheroezenzero!

6 commenti:

  1. che bel piattino, Virgy ...lo dovrò fare a Dany..poi le foto.Meravigliose!

    RispondiElimina
  2. E per fortuna che hai cambiato idea: ci stai regalando una ricetta meravigliosa!!!
    Impeccabile la presentazione, ma come sempre del resto! ;D
    Un abbraccio grande
    <3

    RispondiElimina
  3. Ottima ricetta!
    Ciao,
    Ale
    www.golosedelizie.com

    RispondiElimina
  4. Una ricetta davvero molto interessante, bellissime anche le foto come sempre!

    RispondiElimina
  5. Non mi piace chi cambia bandiera, ma chi cambia idea per ricredersi o scoprire cose nuove sì... è sintomo di apertura, intelligenza e curiosità! In fondo nel tempo cambiamo così tanto che anche i gusti e alcune certezze possono vestirsi con abiti diversi e stupirci! Da quando ho assaggiato i gamberoni con la stracciatella, ad esempio, o le cozze con il pecorino, io sono giunta alle tue stesse conclusioni... e così come ora metto la frutta nel salato (quanto è buona nei risotti!) immagino quante altre "rivoluzioni" avverranno sulla nostra tavola! :-)

    RispondiElimina
  6. anche io sono di quelle che "pesce nudo e puro", mi piace cucinarlo nel modo più semplice possibile e non coprirne il gusto. Quanto ai latticini, quella di cappesante e burro è veramente un'accoppiata straordinaria, ma non mi sono mai spinta oltre quello, se non per una tartina spalmata di buon burro e una fetta di salmone affumicato e aneto - un accostamento più nordico, che francese! Leggendo la tua ricetta ho notato che metti anche lo yogurt, cosa che mi attira moltissimo in quanto acido e rinfrescante rispetto al gusto imponente, rotondo ma spesso pesante dei latticini. Qui il merluzzo in casa entra spesso, ti saprò dire;-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...