martedì 7 luglio 2015

Zucchinette e pomodori arrostiti

Zucchinette e pomodori arrostiti

Sono un'attenta osservatrice e raramente i dettagli mi sfuggono: mi piace coglierli come se fossero frutti colorati e succosi, sistemarli per bene nel mio cestino di vimini e combinarli tra loro come faccio nelle mie ricette. Spesso scopro che i dettagli hanno un legame e che non a caso sono maturati allo stesso tempo per catturare la mia attenzione: mi piace pensare che le cose non avvengano per caso e che le coincidenze abbiano un significato. Sta a noi capire quando i fatti hanno un legame e io mi diverto moltissimo a cercare loro combinazioni, come quando ero bambina e con la mamma passeggiavamo sul bagnasciuga in cerca dei vetrini colorati.


Certamente si è trattato di un segno quando al mercato ho visto queste zucchinette: avevo da poco comprato "Persiana", affascinata prima dalla copertina che ha stimolato il tatto e poi dalle ricette che hanno risvegliato l'appetito. Come accade sempre quando compro un libro nuovo, nei giorni che hanno seguito l'acquisto l'ho tenuto sempre in vista in modo da sfogliarlo e da conoscerlo, un po' come si fa quando si incontra una persona nuova.

Zucchinette e pomodori arrostiti

Una delle (tantissime) ricette che mi hanno catturata di quel libro prevede proprio di arrostire delle zucchine piccole e tenere insieme a dei pomodori e a un mix di spezie da mille e una notte.
Non avevo mai pensato di cuocere delle zucchine al forno: di solito le cuocio molto rapidamente in padella oppure a vapore, ma in forno acquistano un lato ancora più interessante. Sono dell'idea che il forno sia in grado di rendere tutto più buono, anche delle semplici verdure, e pazienza se fuori fa molto caldo! Ci sono dei sapori che solo il forno sa creare e per loro faccio volentieri questo piccolo sacrificio ;-)

Questa è una di quelle ricette che ci vuole più tempo a dirle che a prepararle: basta disporre gli ingredienti sulla teglia e infornare e mentre voi vi rinfrescate con un caffè ghiacciato, una limonata o un'acqua saporizzata il calore del forno farà tutto il resto.
Ho apportato qualche piccola modifica alla ricetta e ho ridotto la quantità di aglio, ma la sostanza rimane la stessa. Sentitevi liberi di modificarla a vostro piacimento, come suggerisce la stessa autrice: questo è un piatto da preparare a cuor leggero, magari in settimana, e più che una ricetta rigida vuole essere un'idea alla quale ispirarsi.


Zucchinette e pomodori arrostiti
Ingredienti (per 4 persone come contorno):
  • 800 g di zucchine piccole
  • 6 pomodori maturi di medie dimensioni
  • un cucchiaino raso di semi di coriandolo
  • un cucchiaino raso di semi di cumino
  • 2-3 spicchi d'aglio
  • olio
  • sale
Procedimento:
Accendere il forno a 200° e rivestire una teglia con carta da forno. Lavare e mondare le verdure, tagliare i pomodori in otto parti e distribuire le verdure sulla teglia. Pelare gli spicchi d'aglio e tagliarli a fettine molto sottili, pestare coriandolo e cumino e distribuire il tutto sulle verdure. Ultimare con un filo d'olio e cuocere per 20-30 minuti per ammorbidire le zucchine e arrostire i pomodori (mescolare le verdure a metà cottura). Sfornare e servire caldo o a temperatura ambiente.

Ti è piaciuta questa ricetta?
Fammelo sapere nei commenti! E se decidi di prepararla, per farmi vedere come è venuta usa l’hashtag #zuccheroezenzero!

10 commenti:

  1. oh Virgy...è così bello tutto che mi viene voglia di correre a casa, cercare le zucchinette e mettermi all'opera. Bravaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Francy <3 Se tuo papà coltiva anche le zucchine, falla con le sue :-*

      Elimina
  2. ah, i dettagli! sono una delle cose che considero più importanti in assoluto: e non è un caso che, guardando il favoloso mondo di Amélie da piccolissima (il film del mio cuore...), la scena che mi rimase più impressa fu quella nella quale Amélie, al cinema, si preoccupa di individuare i particolari di ogni scena, quali, nella fattispecie, una mosca che gironzolava nello sfondo :-)
    e come faccio attenzione ai dettagli, credo poco alle coincidenze e rimango spesso incredula quando capitano. Ecco, se questo sabato trovassi al mercato delle zucchette così piccole (ma quanto sono belle???) sarei più che certa che quello sarebbe un segno e non una coincidenza ;-) se metti poi che io abbia 10kg e più di pomodoro in casa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella è una delle mie scene preferite di quel film! Amelie mi ha sempre fatto sorridere e potrei vedere la prima metà del film a ripetizione ;-) Le coincidenze colgono di sorpresa, a volte rimaniamo increduli quando accadono, ma fanno presto ad ammaliarci con la loro bellezza :-)
      Quando su ig ho visto quel cassettone di pomodori non ho potuto fare a meno di sospirare e ovviamente leccarmi i baffi ;-) spero proprio che domani le troverai al mercato, questa sì che sarebbe una bella coincidenza!

      Elimina
  3. Anch'io amo pensare che tutto sia collegato, che ci sia un filo leggero che unisce gli attimi e li rende tanto speciali.
    Quest'idea mi piace molto, così come accendere il forno anche quando pare una cosa da matti :)
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea del filo che unisce gli attimi è quanto mai azzeccata e il bello è che molte volte tra gli attimi ci sono anche persone lontante fisicamente ma vicinissime mentalmente...
      Per me accendere il forno significa che mi sto rilassando e che sto facendo qiello che mi piace ;-) un po' matta forse lo sono, ma a certi sapori non rinuncio!

      Elimina
  4. Anch'io sono convinta che la cottura al forno faccia la differenza, le verdure arrostite sanno avere tutta un'altra attrattiva..la cucina orientale m'intriga sempre e sono sicura che queste zucchinette arricchite da quelle spezie e l'aglio siano deliziose.
    Per il resto, che dire, non credo mai che sia soltanto una coincidenza e sono fermamente convinta della forte connessione che può crearsi tra persone (o che c'è sempre stata, ma va scoperta) e del fatto che molto spesso, la sorte, ci dia un aiutino.. noi dobbiamo essere bravi ad accoglierlo però!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, i segnali ci sono sempre... a volte siamo impegnati a guardare altrove e non li vediamo, ma loro ci sono sempre! La cosa che mi piace di internet e della blogosfera è che nonostante i milioni di persone che ne fanno parte, ci si ritrova tra anime simili...
      Io adoro speziare le mie verdure e ultimamente questo mix, insieme all'aglio, non mancano mai nel mio piatto ;-)

      Elimina
  5. Potrei fare il copia&incolla del commento di Manuela, perchè la penso esattamente come lei e infatti non è un caso che siamo amiche, ci capiamo e stiamo sempre ad infornare anche con 40 gradi! :D Il caso secondo me lega tantissime cose... in primis gli incontri, come se ci fosse già un filo tracciato e persino quelli che si rivelano poi deludenti succedono per un motivo preciso, magari per farci capire chi (ci) merita davvero e chi no, da chi è meglio allontanarsi e chi è giusto invece tenersi vicino... magari per parlargli di libri appena scoperti o per condividere ricette semplici eppure così perfette! :-)
    Viva i dettagli, sempre, e chi sa coglierli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le delusioni sono l'altra faccia della medaglia e spesso in questi casi avvengono dopo tante aspettative... Eppure anche io cerco di coglierne il significato, dopotutto anche le porte in faccia che ogni tanto capita di prendere fanno parte del processo di crescita :-) Però se ci si lascia guidare dall'istinto e dal cuore difficilmente si sbaglia, no?
      I dettagli fanno la differenza, per questo spesso guardo a lungo le foto o rileggo paragrafi :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...