lunedì 11 agosto 2014

Crema di melanzane

Crema di melanzane

Una delle cose che più mi piacciono della cucina è il fatto che è in grado di unire moltissime culture diverse tra loro, a volte in conflitto, attraverso ingredienti, spezie o metodi di cottura. Andando un po' a scavare nelle tradizioni di un Paese si scoprono affinità con altri Paesi contigui, un po' perchè sono situati nella stessa area climatica e un po' per motivi storici. Ecco allora che nella cucina spagnola si ritrovano alcuni sapori di quella araba, per non parlare di alcuni ingredienti che non sono nati nel nostro territorio ma che li consideriamo "nostri" da sempre, un po' come i pomodori e le patate, importati in Europa dalle Americhe tanti anni fa.

Crema di melanzane

Anche la melanzana arriva da lontano: originaria dell'India, pare che sia stata introdotta in Europa dagli arabi. Nella cucina mediorientale è un ingrediente molto presente, ma ha un ruolo importante anche nei ricettari italiani: un tempo infatti era considerata la carne dei poveri ed era la protagonista di molti piatti della cucina popolare che oggi fanno parte del nostro patrimonio e che portiamo nel cuore.

Crema di melanzane

In estate consumo regolarmente le melanzane: grigliate, nella pasta oppure all'interno di piatti più elaborati, ma il modo che preferisco e quello che vi presento oggi. Questa crema di melanzane è parente del babaganoush ma è insaporita con aglio e origano; è perfetta da spalmare sul pane tostato, sulla pita oppure può esser usata per condire la pasta, magari insieme a qualche altra verdura di stagione.

Crema di melanzane

Quando preparo la crema di melanzane difficilmente supera 24 ore, perchè un cucchiaino tira l'altro e ci vuole un attimo a trovarsi con la ciotolina vuota: per questo, se contate di servirla ad un aperitivo, preparatene in abbondanza e se siete in vena sfornate anche qualche ciappa o qualche cracker. E' consigliabile prepararla il giorno prima in modo che la melanzana assorba tutti i profumi, una volta raffreddata sarà sufficiente metterla in un barattolo e conservarla in frigorifero. E' stato lui a farmi conoscere questa ricetta e sapendo che ne vado particolarmente ghiotta me la prepara regolarmente; la mia aggiunta consiste nell'origano e, forse, in una dose meno generosa di olio. Questa però è una questione di abitudine, quindi sentitevi liberi di regolare gli ingredienti secondo i vostri gusti.
Buon lunedì e buon inizio di settimana!

Ingredienti (per due persone):
  • una melanzana lunga
  • origano
  • olio evo
  • sale
  • uno spicchio di aglio
Procedimento:
Accendere il forno a 180°, lavare e asciugare la melanzana, privarla del picciolo e tagliarla in due per il lungo. Posare le due metà su una teglia con il taglio verso l'alto, praticare dei tagli e condire con olio, origano e un pizzico di sale. Infornare per 30-40 minuti a seconda delle dimensioni della melanzana fino a quando diventa morbida. Con un cucchiao ricavare la polpa della melanzana e tritarla grossolanamente insieme allo spicchio di aglio tagliato finemente. Versare la crema in una ciotolina e servire.

Ti è piaciuta questa ricetta?
Fammelo sapere nei commenti! E se decidi di prepararla, per farmi vedere come è venuta usa l’hashtag #zuccheroezenzero!

8 commenti:

  1. Mi ha sempre incuriosito la babaganoush ma purtroppo non l'ho ancora mai provata, Questa tua versione mi sembra così invitante e di melanzane buonissme ce ne sono in abbondanza adesso .). Un saluto, Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi approfittarne finchè ci sono le melanzane buone! Ci vuole proprio poco, ma vedrai che soddisfazione :-)
      Buon pomeriggio!

      Elimina
  2. É semplicemente perfetta!

    RispondiElimina
  3. ma allora oggi siamo proprio nel mood giusto .)))))) Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, davvero! Il fatto è che quella cucina mi piace proprio tanto ;-)

      Elimina
  4. Lo sai che anche qui in Sicilia si prepara una crema di melanzane proprio come la tua? ..influenze arabe di certo...io non l'ho mai fatta...magari prendo in prestito la tua :-)
    Bravissima, Mimma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimma, grazie per l'informazione! Questa crema ha un nome particolare in Sicilia? Se la prepari fammi sapere! :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...