giovedì 24 aprile 2014

Clafoutis al cioccolato, pere e nocciole

Clafoutis al cioccolato, pere e nocciole

Il primo round di festività è passato e, meteo e freddo a parte, è andato piuttosto bene. L'ho trascorso con la mia famiglia e, visto che avevamo bisogno di riposare e vivere con lentezza,  abbiamo deciso di non strafare e abbiamo optato per un menu molto easy. In questi giorni sono anche riuscita a studiare perchè avevo la giusta concentrazione, quindi il bilancio del weekend è più che positivo!
Quest'anno, come da un po' di tempo a questa parte, per me niente uova di Pasqua perchè ho preferito comprare qualche tavoletta di cioccolato particolare. Quando ero piccola la parte divertente dell'uovo di Pasqua era rompere il cioccolato per trovare la sorpresa che, il più delle volte, si trattada vi un ciondolino o di un portachiavi. Il cioccolato lo mangiavamo solo il giorno di Pasqua e poi rimaneva lì in una scatola in attesa di essere usato in qualche dolce. Con le tavolette il problema degli avanzi non si pone: sono piccole ed essendo tutte diverse non annoiano.

Immaginando che vi sia avanzato un bel po' di cioccolato dalle uova di Pasqua, almeno per chi ha dei bambini in casa, approfitto per proporvi una ricetta cioccolatosa. Si tratta di un clafoutis, che vi avevo raccontato qui nella versione alle ciliegie, al cioccolato e alle pere; l'idea del clafoutis mi piace molto perchè è personalizzabile e si può fare tutto l'anno in base ai frutti (o alle verdure, visto che esiste la versione salata) di stagione. Potete prepararlo in un'unica pirofila, come ho fatto io, oppure otare per delle monoporzioni, che sono un po' più carine e pratiche se volete servire il dolce quando avete ospiti. Se volete altre idee o se siete "circondati" dal cioccolato guardate un po' qui ^_^
Approfitto del sole che sta facendo capolino e vado a fare due passi. Buona giornata e buon weekend!


Ingredienti (per 4-5 persone):
Adattata da questa ricetta
  • 60 g di cioccolato fondente
  • 30 g di nocciole intere
  • 170 g di latte intero
  • 2 uova
  • 25 g di zucchero di canna
  • 25 g di amido di mais
  • 2 pere abate (circa 300 g)
Per la teglia:
  • 1 cucchiao di cacao amaro
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • burro
Procedimento:
Accendere il forno a 200°, imburrare una teglia 18x22 cm o equivalente e cospargerla con il cacao e lo zucchero di canna precedentemente mischiati; tenere da parte l'eccesso. Tostare le nocciole e tritare al coltello il cioccolato fondente, quindi trasferirlo in una ciotola; con il mixer ridurre le nocciole raffreddate in farina e metterle da parte. Portare a ebollizione il latte e versarlo sul cioccolato; mescolare di tanto in tanto affinchè il cioccolato si sciolga. Sbattere le uova con una frusta a mano e aggiungere lo zucchero, l'amido setacciato, le nocciole tritate, il mix di cacao e zucchero tenuto da parte. Sbattere bene fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo, quindi aggiungere il latte al cioccolato e mescolare.
Sbucciare le pere, eliminare il torsolo e tagliarle in otto parti. Rimescolare il composto, versarlo nella teglia e completare con le pere. Infornare e cuocere per 30 minuti (il centro del clafoutis deve rapprendersi). Servire tiepido o a temperatura ambiente.

Ti è piaciuta questa ricetta?
Fammelo sapere nei commenti! E se decidi di prepararla, per farmi vedere come è venuta usa l’hashtag #zuccheroezenzero!

23 commenti:

  1. Delizioso questo clafoutis... io ne ho preparato uno l'altro giorno con la farina di riso e le fragole...
    Complimenti e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le fragole deve essere uno spettacolo!
      Grazie Michela e a presto :-)

      Elimina
  2. Che versione interessante non l'ho mai fatto al cioccolato, è un dolce che mi affascina sempre, di gran gusto e veloce a prepararsi. Pere e cioccolato poi è il matrimonio perfetto! A presto mony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La versione al cioccolato è stata una bella scoperta e l'abbinamento con le pere è venuto da se' :-) Anche a me il clafoutis piace molto proprio per la rapidità e perchè in genere piace a tutti i commensali :-)
      Buona giornata!

      Elimina
  3. Oh, quanto ci piace il clafoutis! È buonissimo e la sua semplicità è sorprendente :-) quando ero piccola il cioccolato era semplicemente un "intermezzo" fra l'aprire la sorpresa e il capire quale fosse il suo funzionamento, quindi mentre aspettavo o ammiravo il regalo che avevo trovato, mangiavo tanto, troppo probabilmente, cioccolato come se fossero acini d'uva! :-) anche quest'anno di cioccolato ne è rimasto ben poco ma questo clafoutis lo devo fare - si vede che comprerò una nuova tavoletta!!
    A presto, Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marta, vedrai che questo clafoutis non ti deluderà! Io mentre guardavo la sorpresa sbocconcellavo la colomba, perchè alla fine il cioccolato fondente era troppo amaro per le mie giovani papille. Ora è il contrario perchè adoro il cioccolato fondente!
      A presto! :-)

      Elimina
  4. anche a me non piace molto avere in casa troppe uova di cioccolato, chè poi è un problema smaltirle...infatti ho fatto una torta e il resto..boh?? magari "riciclo" la tua idea :)) Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi non è nemmeno una questione di cioccolato, perchè in genere ho la scorta di tavolette a casa, è che avere i pezzi tutti rotti in una scatola mi turba (e poi non sempre è cioccolato buono). Sono strana... :-)

      Elimina
  5. che delizia....un dolce golosissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale! E' golosissimo, ma in fondo in fondo non è così peccaminoso come sembra ;-)

      Elimina
  6. Oh come mi ispira questo clafoutis!! Da provare assolutamente!!

    RispondiElimina
  7. Ecco questa è una di quelle cose alle quali proprio non so resistere.. e come si fa? Bravissima!
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, come si fa a resistere a una tentazione quando c'è di mezzo il cioccolato? Grazie cara :-)

      Elimina
  8. Che bello questo clafoutis! Abbinamento classico ma molto goloso! Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno degli abbinamenti classici che preferisco :-) E' come una coccola, soprattutto quando si mangia tiepido o caldo!
      Un bacio anche a te!

      Elimina
  9. Ma che bella ricetta, sei molto brava!!!mi unisco ai tuoi lettori;)

    RispondiElimina
  10. Sono una donna anomala, lo so, io non consumo tanto cioccolato e quindi neanche tante uova... :-) Scoprire le sorprese mi piaceva da bambina, più che altro era bello agitare l'uovo e sentire il rumore... provando a indovinare cosa contenesse!
    Questo dolcetto mi piace moltissimo, da sempre... aspetto le ciliegie per la versione estiva che sogno da un po' di fare! Ma questa di colore marrone fa felice Matteo, quindi diventa anche mia... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di amare il cioccolato ci ho messo un po' di tempo: da piccola mangiavo solo quello bianco e quello al latte (infatti le mie uova erano quasi sempre al latte). Anche io scuotevo l'uovo cercando di capire cosa contenesse in attesa che il giorno di Pasqua arrivasse :-)
      Le ciliegie non sono poi così lontane e per fortuna, visto che le sto aspettando con impazienza insieme a tutta la frutta estiva!
      Buona notte :*

      Elimina
  11. Che buono il clafoutis! Al cioccolato non l'ho ancora provato :) Sa di inverno, e a giudicare da questo tempaccio lo preparerei volentieri in questi giorni, se non dovessi partire!
    Io amo quello ai mirtilli...l'estate scorsa ne ho preparato uno con gli enormi mirtilli della montagna, era bellissimo! :)
    Un bacio, Tulla
    http://martafrigerio3.wix.com/tullavanilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente hai ragione, col cioccolato sa di inverno! Però si ricicla in tutte le stagioni, perchè si mangia tiepido in inverno e freddo, come un budino, d'estate :-)
      Con i mirtilli deve essere fantastico, soprattutto se sono quelli buoni raccolti con le proprie mani :-)
      A presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...