mercoledì 26 marzo 2014

Madeleines al mandarino

Madeleines al mandarino

La mia passione per la cucina e la pasticceria in particolare risale a tanti anni fa, a quando per mescolare l'impasto nella ciotola dovevo mettermi in punta di piedi o in ginocchio su una sedia. Poi da quando ho iniziato a capire che i dolci non erano solo torte e biscotti, sbirciando nei libri di cucina, è nata la passione per l'oggettistica legata alla cucina e in particolare per le teglie.
Così ho iniziato a collezionare qualche stampo per torte particolare, una teglia per muffin (che ora ha trovato un fratellino) e ogni volta che andavamo in un grande magazzino o in un negozio specializzato scandagliavo tutti gli scaffali alla ricerca di un articolo che potesse aggiungersi alla mia raccolta. Mi divertiva e mi diverte tutt'ora cambiare la forma dei dolci, ma ora che il forno è al completo e qualche scaffale della cucina pure mi sto dando una regolata. Ovviamente con la passione per gli stampi è nata quella per i libri di cucina, ma quella è un'altra storia.
Un giorno mi sono imbattuta in uno stampo per madeleines: non avendo accesso a internet, e quindi ai blog di cucina, non sapevo che si potessero fare a casa perchè credevo che gli stampi a forma di conchiglia non fossero in commercio. Mi sono illuminata e l'ho comprato con i miei risparmi.

Madeleines al mandarino

Alla prima prova (e anche qualche prova dopo) le madeleines che sfornavo erano buone ma mancava la gobbetta che le contraddistingue. All'epoca me ne ero fatta una ragione, ma crescendo e avendo finalmente accesso ad internet e a libri più seri ho capito che la tanto agognata gobbetta era solo una questione di temperatura. L'impasto deve riposare in frigorifero, meglio se per tutta la notte, prima di essere cotto. Zac! La prima volta che ho provato a farle con questo piccolo accorgimento ho passato tutto il tempo di cottura con il naso attaccato alla porta del forno e non vi dico la soddisfazione provata quando la gobbetta ha iniziato a formarsi :-)
Prima che sia troppo tardi per proporvele approfitto di questa giornata un po' autunnale per lasciarvi la ricetta, che è un mix tra le ricette trovate su internet e sui libri.
Buona giornata!

Ingredienti (per 25 madeleines):
  • 100 g di burro morbido 
  • 90 g di zucchero
  • 15 g di miele chiaro
  • 2 cucchiai di pasta di mandarini
  • 2 uova
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • 100 g di farina
  • sale
  • burro per lo stampo
Procedimento:
In una ciotola lavorare a crema il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto soffice, quindi incorporare un pizzico di sale, le uova e il miele. Aggiungere la pasta di mandarini e mescolare, quindi a poco a poco incorporare la farina setacciata con il lievito. Coprire con pellicola e lasciare riposare l'impasto in frigorifero per almeno 3 ore (meglio se per tutta la notte). Imburrare molto bene uno stampo da madeleines e metterlo in frigo.
Riscaldare il forno a 200° e quando sarà caldo mettere una cucchiaiata di impasto in ciascuno stampino (non importa se è distribuito omogeneamente, in cottura si sistemerà da solo). Cuocere per 5-6 minuti, quindi abbassare a 180° e cuocere per altri 2 minuti (tenere monitorato il forno, quando si sarà formata la gobbetta e i bordi saranno dorati allora le madeleines sono cotte). Sfornare le madeleines e aspettare 5 minuti prima di toglierle dallo stampo.

Ti è piaciuta questa ricetta?
Fammelo sapere nei commenti! E se decidi di prepararla, per farmi vedere come è venuta usa l’hashtag #zuccheroezenzero!

21 commenti:

  1. Mi piace il tocco agrumato delle tue madeleines! E posso capire la soddisfazione della gobbetta! Me ne prendo una... per affrontare con dolcezza la giornata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendi tutte le madeleines che vuoi! ;-)
      Gli agrumi li metterei un po' ovunque, ma nelle preparazioni burrose trovo che diano il loro meglio :-)

      Elimina
  2. Sono davvero tanto carine :)
    Posso capire la soddisfazione nel vedere la gobbetta, è stato cosi anche per me :)
    Un bacione e buona giornata :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Senza la gobbetta sono buone comunque, ma non sono come quelle originali :-)
      Un bacione anche a te!

      Elimina
  3. un racconto tenerissimo :)))) Per me la passione per i libri vince su quella per gli stampini, ma quelli da madeleines li ho ehehehe...Un bacione e complimenti per la tua versione, così fresca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie bella! Uno stampo così non merita di essere lasciato nel negozio ;-)
      Un abbraccio :*

      Elimina
  4. E io scopro solo ora questo carinissimo blog?? Sì, solo ora. Però ti sei guadagnata una lettrice in più. :)
    (Adoro le madeleines...al mandarino non le ho mai provate!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta! E' un piacere conoscerti :-)
      Anche io adoro le madeleines, sia quelle classiche sia quelle più fantasiose :-)
      Grazie e a presto!

      Elimina
  5. Non riesco a commentare dal mio blog, non c'è l'opzione :P
    Comunque mi trovi qui: http://martafrigerio3.wix.com/tullavanilla

    RispondiElimina
  6. Anche io sono malata di acquisto compulsivo di caccavelle ma adesso che ho la cucina che trabocca mi sono purtroppo dovuta dare una regolata. Lo stampo per madeleines ancora mi manca, ma credo che la ricetta vada bene anche per stampini tipo mini muffin, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, certo che va bene! Se vuoi ottenere la gobbetta ti consiglio di non riempire molto gli stampini, altrimenti cambiano modalità e tempi di cottura. Puoi usare anche gli stampini da plumcake piccoli se li hai. In entrambi i casi ti direi di non superare 1 cm di altezza dell'impasto :-)
      Se ti cimenti fammi sapere!

      Elimina
  7. Ciao, bellissima ricetta e bellissime foto!
    Teresa

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia le madeleines, quante ne abbiamo mangiate e quante ne mangiamo :-) simpatico il tuo racconto, le nostre hanno sempre avuto la tipica gobbetta anche senza lo shock termico, chissà, mistero... :-) buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le madeleines non annoiano mai :-) Probabilmente è una questione di forno o di come si lavora l'impasto: il mio è un po' datato e ha bisogno di un trucchetto in più!

      Elimina
  9. Veramente bellissime queste madeleines! Bella l'idea del mandarino!!
    Buona giornata! :)
    Ila

    RispondiElimina
  10. Presto appariranno anche nel mio blog, ho preso lo stampo qualche mese fa, insieme a un libro di ricette che ormai so a memoria! :-) Sarà la mia passione per la Francia, ma trovo che le madaleines siano uno dei dolci più belli in assoluto... hanno tanto burro, è vero, però rappresentano la leggerezza con quella forma... oppure ci portano in spiaggia, perchè sembrano conchiglie!
    Il profumo che dà il mandarino non si dimentica, sarà un'epifania perfetta... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere come ci racconterai questi piccoli dolcetti burrosi :-) Le madeleines, con quella forma, sembrano conchiglie trovate su una ventosa spiaggia del nord... Tutte le volte che mi cade l'occhio su quello stampo non posso non pensare alla Francia e a quanta voglia ho di ritornarci :-)

      Elimina
  11. Hai davvero un blog carinissimo, è bello spulciare in rete proprio perchè permette di fare dei piacevoli incontri come questo :). Sono deliziose queste madeleines, le ho fatte da poco anche io e le trovo irresistibili. Un saluto, Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angela e benvenuta! Mi fa piacere che durante i tuoi giri sia capitata anche qui :-) Dici bene, le madeleines sono irresistibili! Sarà per la loro forma?
      A presto! :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...