venerdì 5 luglio 2013

Irish soda bread di farro ai semi

Irish soda bread

Confesso di aver sempre guardato questo pane dall'alto verso il basso. Per la prima volta lo vidi più o meno 10 anni fa, quando insieme a mia mamma comprai uno dei miei primi libri di cucina; arrivata a casa sfogliando le pagine mi cadde l'occhio sulla foto di un pane un po' bruttino che a prima vista sembrava mal impastato e venuto diversamente rispetto alle aspettative. Decisi di passare oltre e di dedicarmi alle torte e ai biscotti che, agli occhi di una bambina, risultavano decisamente più invitanti.

Per molti anni ho ignorato beatamente la foto del pane bitorzoluto con annessa ricetta perchè, più che alla ricetta in se', badavo all'estetica del risultato finale, pensando che a me non sarebbe venuto diversamente e che anche io avrei ottenuto un pane informe. Tempo dopo mi venne la curiosità di leggere gli ingredienti e di approfondire la vicenda: alla parola "bicarbonato" ho iniziato a farmi moltissime domande sul risultato finale, poichè l'unica volta in cui l'ho usato per preparare dei biscotti (usando tra l'altro una dose inferiore indicata dalla ricetta) mi sembrava di sentire solo il suo sapore.

A darmi un'ulteriore spinta sono state le numerose foodblogger che periodicamente presentavano il loro irish soda bread: a quel punto ho deciso di buttarmi anche io e di sperimentare la ricetta di "quel pane che si prepara in pochi minuti e che non contiene nemmeno il lievito". A dirla così mi sembra ancora oggi impossibile, perchè quando posso allungo le lievitazioni più che accorciarle e perchè mi piace avere a che fare con un impasto e vederlo crescere al caldo. Il risultato ha decisamente superato le aspettative: il pane è cresciuto, è rimasto morbido dentro e croccante fuori e si è conservato per più di un giorno. Ma, soprattutto, non ho sentito il gusto del bicarbonato!

Irish soda bread
La versione dell'irish soda bread che vi presento è fatta con la farina di farro e ha dei semini misti all'interno; voi ovviamente potete decidere di cambiare il tipo di farina o fare un misto e se mettere o meno i semi. Si può fare ad esempio anche con uvetta o gocce di cioccolato o quel che più vi piace. Non siate scettici come lo sono stata io e provatelo!
Buon weekend a tutti! ^_^

Ingredienti (per una piccola pagnotta o due panini):
  • 300 g di farina di farro
  • 90 g di yoghurt
  • 100 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaino scarso di sale fino
  • 1 cucchiaino scarso di zucchero
  • 4 cucchiai di semi misti (lino, girasole, zucca etc.)
Procedimento:
Accendere il forno a 220°, mescolare lo yoghurt all'acqua, disporre la farina a fontana in una ciotola e aggiungere i semi, il bicarbonato, il sale e lo zucchero. Versare a poco a poco il mix di yoghurt e acqua nella farina e mescolare con un cucchiaio. Impastare rapidamente fino ad ottenere un impasto liscio e morbido (ma che non si attacchi alle dita) ed eventualmente aggiustare con farina o acqua. Infarinare leggermente una teglia da forno, formare una pagnotta rotonda alta più o meno 5 cm, incidere a croce la sommità con un coltellino affilato, dare una lieve spolverata di farina e cuocere per circa 35-40 minuti. Per vedere se è cotto battere il fondo del pane: se fa un suono sordo vuol dire che è pronto (in alternativa si può fare la prova stecchino). Sfornare il pane e servirlo tiepido.
L'irish soda bread si conserva praticamente inalterato fino a due giorni (io l'ho conservato un un sacchetto di carta nel frigorifero).

Ti è piaciuta questa ricetta?
Fammelo sapere nei commenti! E se decidi di prepararla, per farmi vedere come è venuta usa l’hashtag #zuccheroezenzero!

9 commenti:

  1. Adoro le cose dall'aspetto rustico e dimesso, che a mio avviso se preparate con la giusta dose di affetto sono capaci di trasmettere un tipo di bellezza semplice, spontanea, confortante, spesso anche migliore di quella studiata razionalmente nei minimi dettagli. Lo proverò di sicuro, un po' perché ho un debole per i lievitati, un po' perché adoro usare il bicarbonato nelle sue accezioni "magiche" (direi che qui è l'acidità dello yogurt a produrre l'anidride carbonica che lo fa poi così meravigliosamente gonfiare). Assolutamente splendido!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il tempo ho imparato ad amare più le preparazioni di questo tipo che i cibi apparentemente perfetti. Sarà forse una questione di aspettativa? Molte volte una cosa bella non risulta buona come me te l'aspetti, mentre è molto frequente che una cosa imperfetta risulti deliziosa.
      E' vero che il bicarbonato è 'magico' (magia della scienza ^_^) e dovrei sperimentarlo nuovamente anche nei dolci.
      Se provi a fare il pane fammi sapere!
      Buon weekend :)

      Elimina
  2. Non lo conosco mai tuoi esperimenti mi affascinano sempre :) la farina di ferro e i semi misti ce li ho sempre in dispensa.. Chissà ;)

    RispondiElimina
  3. Questa è la sorpresa, no? Dietro un aspetto poco bello, si nascondono bontà e stupore... le cose "scontate" non danno tanta soddisfazione, se invece non te le aspetti il piacere è doppio... :-)
    Quando vedo pane fatto in casa, subito mi viene voglia di bruschetta e olio purissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avrei saputo dirlo meglio :)
      A chi lo dici, alla bruschetta ci aggiungo anche pomodorini e basilico fresco! :P

      Elimina
  4. Che bello questo blog !!.
    Siamo nuove followers, ti seguiremo con piacere !!

    Vale e Sabri
    Color carta da zucchero

    RispondiElimina
  5. le tue foto, le tue ricette e il tuo blog mi fanno sognare!
    complimentissimi!
    seguirò sicuramente il tuo blog!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...