giovedì 6 dicembre 2012

Parigi parte I

Parigi

E così anche il giorno del rientro da Parigi è arrivato, così come il mio ritorno sulle pagine di questo blog: vi confesso che, nonostante non mi sia mancata la quotidianità, sentivo la mancanza sia del mio blog che di tutti i vostri. Parigi è bellissima come me la ricordavo o forse è meglio (sarà la compagnia?), ma era la prima volta per me in questo periodo: il mese che precede Natale infatti vede tutta la città decorarsi a festa, con tutte le luci e i colori, e le vetrine dei grandi magazzini sono animate a tema natalizio. Merita la visita anche per questo: non avevo mai visto vetrine di questo tipo, perchè non solo sono addobbate a festa, ma hanno generalmente molti componenti della scena animati che si muovono su uno sfondo musicale. Visto che non era la prima volta che andavamo a Parigi, abbiamo preferito dedicarci a percorsi e a quartieri un po' meno turistici, salvo qualche tappa ''obbligatoria'', come l'Orangerie (che non avevo mai visto, ma che da sempre desideravo visitare) o gli Champs-Elisees per vedere qualche negozio.

Parigi

Prima della partenza avevo fatto un giro sul web e sui blog alla ricerca degli indirizzi da vedere e principalmente riguardavano tutti il cibo e la cucina in generale. Ormai avrete capito che sono fatta così: vado a Parigi più per gli attrezzi da cucina che per i vestiti! Sono rincasata con la valigia piena di cose e con un numero di foto soddisfacente, anche se avrei potuto farne di più, ma ero spesso distratta dalla bellezza della città per fare foto. In ogni caso sono soddisfatta di tutto quello che ho visto e comprato: principalmente ho fatto acquisti in un negozio di articoli da cucina molto fornito e in una libreria (indovinate che genere di libri ho comprato?). Pensate che l'idea iniziale era quella di trovare la Librairie Gourmande, perchè volevo perdermi tra tutti i suoi scaffali per un bel po' di tempo e sfogliare i libri dei miei miti: una volta arrivata all'indirizzo però non l'ho trovata, sarà stata la stanchezza oppure perchè è nascosta. Fatto sta che è stato il mio unico rimpianto, ma la libreria in cui ho fatto i miei acquisti mi ha più che soddisfatta, considerando che era piuttosto fornita pur vendendo volumi di tutti i generi. Un posto che consiglio vivamente di vedere, nonostante sia un po' lontano dal centro, è il quartiere cinese: qui abbiamo pranzato e da Tang Freres abbiamo fatto incetta di oggetti e ingredienti orientali a cui facevamo la corte da molto tempo a prezzi decisamente bassi per gli standard europei.

Parigi: Fauchon

Infine come non parlare di Place de la Madeleine: qui ogni desiderio gastronomico può diventare realtà. Dal salato al dolce si trova ogni tipo di prelibatezza che possiate desiderare, perchè è il cuore di Parigi dal punto di vista del buon cibo. Qui è d'obbligo una visita da Fauchon, che vende molti prodotti tipici incartati nella loro tradizionale confezione (molto girly) fucsia e nera: soffermatevi anche sulle sue vetrine, in cui ci sono torte davvero belle (ne vedete qualche esemplare nelle foto).
Ma la mia Parigi non è finita qui. Per la seconda parte aspettate ancora qualche giorno! ^_^
Edit: potete leggere qui la parte II!

Parigi

2 commenti:

  1. Carissima .. Che meraviglia! E quelle vetrine .. Mamm mia cosa darei per andarci! Attendiamo seconda parte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Secondo me già solo le vetrine meritano la visita in questo periodo! A presto! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...